Archive for the ‘Uncategorized’ Category

Ceccano: Caligiore costringe i ceccanesi a tenersi l’immondizia in casa per giorni

Carta e vetro saranno ritirati ogni 15 giorni. Umido e indifferenziato rispettivamente due volte ed una sola volta a settimana e resteranno nelle case dei ceccanesi, all’interno degli uffici e delle attività commericiali, per giorni.

Il nuovo bando della raccolta differenziata, elaborato dall’amministrazione comunale guidata dal Sindaco Caligiore, si annuncia molto problematico per i cittadini di Ceccano e per tutti i commercianti della città, che continueranno a pagare le tasse sui rifiuti senza alcuna agevolazione fiscale, nonostante la differenziazione.

Lo stesso, infatti, invece di prevedere un maggior numero di ritiri a settimana di umido e indifferenziato, come tanti ceccanesi auspicano da tempo, ne prevede addirittura una riduzione.

Dopo il grande bluff sulla pubblica illuminazione, che vincolerà i ceccanesi a pagare 9 milioni di euro per ben 20 anni, l’amministrazione Caligiore fa un ulteriore regalo ai ceccanesi, costringendoli a tenersi la spazzatura per giorni interi.

Questo perché, una serie di scelte elaborate dall’amministrazione (probabilmente più per far guadagnare chi se ne aggiudicherà il servizio, che per venire incontro alle reali esigenze dei cittadini di Ceccano), prevedono il ritiro dei rifiuti porta a porta non più dal lunedì al sabato, come avviene a tutt’oggi da diversi anni a questa parte, ma soltanto 4 giorni a settimana.

Grazie a Caligiore, infatti, come è ben descritto nel nuovo bando, la spazzatura sarà ritirata soltanto lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì.

Il tutto è ben sintetizzato in questo schema che si trova nelle pagine 22 e 23 del Capitolato Speciale, allegato al nuovo bando emesso dall’amministrazione comunale ceccanese.

ritiro raccolta differenziata - nuovo calendario

Dunque, per il Sindaco Caligiore e per la sua maggioranza, i cittadini di Ceccano dovranno tenersi in casa, in ufficio o nella propria attività commerciale, rifiuti come l’indifferenziato, che sarà raccolto soltanto il lunedì, un solo giorno a settimana, mentre con l’attuale calendario il ritiro è previsto due volte.

E provate ad immaginare quali disagi per tutte quelle famiglie che hanno bambini piccoli, persone anziane con problemi, ma anche animali, quale disagio provocherà tenere una settimana in casa i pannolini sporchi o una lettiera.

Drammatico il fine settimana: sabato e domenica senza alcun tipo di raccolta di rifiuti, in modo particolare indifferenziato, cosa che permetterà un enorme risparmio di denaro per la ditta che dovrà ottemperare al servizio.

La vicenda lascia presagire fin da ora il drammatico fenomeno dell’incremento delle discariche abusive su tutto il territorio. Ma ne consegue in primis una questione sanitaria e di igiene pubblica, per la quale fin da ora mi permetto personalmente di lanciare un appello a S.E. il Prefetto della Provincia di Frosinone.

Dal punto di vista politico-amministrativo, invece, forse è il caso di cominciare ad adoperarsi fattivamente  per mandare a casa il signor Caligiore e la sua maggioranza !

Ceccano: Spetteguless in diretta al termine del consiglio comunale. Nessuno aveva interrotto lo streaming

le-allegre-comari-di-windsor

“Ma le comari di un paesino non brillano certo di iniziativa, le contromisure fino a quel punto si limitavano all’invettiva…”.

Sono questi i versi di una delle canzoni più celebri di Fabrizio De Andrè: Bocca di rosa, ancora oggi la più adatta a raffigurare certi, tra i più intransigenti, bigottismi.

A Ceccano sembrerebbe che le comari si siano riunite al termine del consiglio comunale svoltosi nella giornata del 21 febbraio, ed inconsapevoli della diretta streaming ancora in onda, poiché non era ancora stata interrotta da nessuno, hanno cominciato a parlare di persone non presenti in aula, facendo addirittura in modo esplicito i loro nomi ed accostando aggettivi ed altre parole a dir poco garbate e certamente non consone di un’aula del consiglio comunale.

E’ questa l’immagine degna della Ceccano del cambiamento?

Il video, nel tardo pomeriggio, probabilmente per l’enorme scalpore che stava suscitando e mettendo in forte difficoltà i protagonisti tutti della vicenda, nonché l’intera maggioranza guidata dal Sindaco Caligiore, è stato rimosso dal canale youtube ufficiale del Comune di Ceccano, dove sono però rimasti caricati tutti i video dei precedenti consigli comunali.

A Caligiore ed ai suoi seguaci, vecchi e nuovi, non resterebbe che consegnare un bel tapiro d’oro. Confidando che possa caricare al più presto il video del consiglio comunale, sicuramente nella nuova versione censurata, mi permetto d suggerire la sola sostituzione dell’audio della parte conclusiva, magari proprio con la celebre canzone dello scomparso cantautore genovese.

Tapiro_d'Oro.JPG

 

Attacco ignobile a questo blog ed alla mia persona. Reagire e perché…

In 33 anni, la vita mi ha posto spesso di fronte a situazioni difficili, come la malattia improvvisa, devastante e la conseguente morte di persone a cui ero molto legato. Non so dire se le ho effettivamente affrontate bene, perché spesso è stato l’istinto a prevalere.
Quel che è certo, è che il più delle volte le ho dovute affrontare da solo, perché anche chi mi era vicino, non era in grado di capire, e forse anche io non avevo poi tutta questa voglia di farmi capire, per non destare preoccupazioni.
Qualche ferita ce l’ho; le cicatrici sono visibili e del resto non le ho mai nascoste, perché sono le cicatrici di chi vive e lotta… anche se il più delle volte lotta per idee ed obiettivi che sfuggono alla comprensione dei più.
Con il tempo, ho imparato che non tutto il male viene per nuocere. Il male della vita, quello che fa parte del suo ciclo, che rientra nella sfera umana e che distinguo da un secondo: quello della sfera disumana.
Ciò che mi è stato vomitato di dosso oggi, appartiene a quest’ultima ed ha degli artefici ben precisi. Lo ritengo qualcosa di maligno da tenere assolutamente a bada, che ti attacca senza un motivo valido e che vuole ferirti soltanto per il piacere di farlo. Lo ritengo un tumore da combattere con forza.
E di fronte a questo male ho reagito e continuerò a reagire, perché c’è di mezzo la mia professione, il mio lavoro, che non mi ha regalato nessuno e che mi sto sudando da solo!
Come già accaduto oggi, non permetterò più a nessuno di pronunciare o fare illazioni sul mio nome.
Ci vedremo in Tribunale e questa volta, l’unica cosa certa, è che non sarò io a trovarmi dalla parte dell’imputato!

Ceccano: ufficializzato l’ingresso di Aversa in maggioranza

Antonio Aversa, da tutti conosciuto come Tonino, Consigliere Comunale eletto ininterrottamente dal 2002, di professione geometra, nonché Presidente dell’Ordine dei Geometri della Provincia di Frosinone, ufficializza il suo  ingresso nella coalizione guidata dal Sindaco Caligiore, dopo le indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi.

Con il suo sostegno al Sindaco in carica, Aversa impedisce il ritorno di un nuovo commissario a Ceccano, dopo la recente esperienza dovuta alla sfiducia della Maliziola.

Aversa, che ha sempre svolto un ruolo tra i banchi dell’opposizione, avrà ora, per la prima volta, l’occasione di poter mettere in pratica le sue idee amministrative.

Ad Aversa, dunque, l’augurio di un buon governo.

Scarichi industriali di uno stabilimento di Anagni trasferiti in un’area industriale dismessa di Ceccano?

ceccano panorama

Da alcune ore sta circolando un’indiscrezione molto seria, circa un’attività di trasferimento di rifiuti industriali, che starebbe interessando già da alcuni giorni, un sito dismesso, presente sul territorio di Ceccano, in zona Asi.

Presso questo sito industriale, infatti, si starebbero trasferendo un accumulo di fanghi e di scarichi, di un altro stabilimento sito nel comune di Anagni ed ancora produttivo.

Ciò, stando sempre alle indiscrezioni trapelate, a causa della rottura di un impianto di depurazione all’interno di quest’ultima azienda.

Si tratta di una vicenda molto delicata sulla quale non può che far luce il Sindaco di Ceccano, Roberto Caligiore, al quale giro immediatamente la domanda, visto il ruolo e le funzioni che gli competono, come primo responsabile della salute pubblica dei cittadini tutti.

Qualora l’indiscrezione che sta trapelando da alcune ore, dovesse corrispondere al vero, ci troveremmo di fronte ad un fatto gravissimo, che pone seri ed inquietanti interrogativi.

Su tutti:

  1. Come può uno stabilimento industriale dismesso accogliere quantitativi di scarichi di un’altra azienda nel proprio depuratore?
  2. Come fa ad essere in funzione il depuratore di questo ex sito industriale, se l’azienda è da anni dismessa e dunque sprovvista di allaccio alla corrente elettrica?
  3. Come avverrebbe lo smaltimento di questi rifiuti o resterebbero soltanto in deposito qualora vi fosse l’impossibilità di poterli trattare?
  4. Che tipo di sostanze contengono e quale è il livello della loro pericolosità?
  5. Chi avrebbe eventualmente autorizzato tutto ciò?

 

Ceccano: fondi UE e casa vinicola Sindici al centro di una scottante interrogazione

Persi altri 70mila euro a fondo perduto dall’amministrazione Caligiore, a causa dell’assenza di progetti e programmazione?

È una scottante interrogazione quella posta dal consigliere comunale della minoraza, Giulio Conti, con la quale si chiedono lumi ad un’amministrazione allo sbando, anche sul progetto di recupero della Casa Vinicola Castel Sindici, sul suo marchio storico e la sua registrazione.

Questo il testo originale dell’atto, pubblicato sulla pagina personale facebook del Consigliere comunale.

Ceccano: due consiglieri comunali pronti a denunciare il Sindaco. Tensione alle stelle in Comune.

Palazzo Antonelli Ceccano

Sono giorni di tensione alle stelle quelli che si stanno registrando all’interno della coalizione di governo cittadino, guidata dal Sindaco Roberto Caligiore.

Il lungo dibattito innescatosi con la mancata elezione in provincia di Ginevra Bianchini, che ha portato ad una serie di litigi e ad una frattura della maggioranza, sembrava essere giunto al capolinea con la cacciata di una lista ed il ritiro delle deleghe a ben 3 consiglieri comunali.

Ma proprio nel decreto di ririto delle deleghe, firmato dal Sindaco, sarebbero contenute frasi poco attinenti al vero, non gradite da due consiglieri comunali, pronti a presentare una denuncia di diffamazione nello stesso Caligiore.

Sulla questione delicatissima stanno cercando ora di intervenire altri esponenti della maggioranza, che al momento avrebbero trattenuto i due consiglieri comunali per prendere tempo e cercare di convincere lo stesso Sindaco Caligiore a modificare il testo del decreto, nel frattempo già dato in pasto ai media locali, facendo cancellare la frase diffamatoria.

Una vicenda sconcertante quest’ultima, che delinea appunto il livello di impreparazione amministrativa con la quale si arriva ormai a commettere simili leggerezze, in un delirio di onnipotenza con il quale si crede di poter decidere tutto su tutti.