Ceccano: modificato il testo della deliberazione dopo la sua votazione? Gravi reati in vista…

La schiera di Avvocati che ruota intorno alla figura del Sindaco Caligiore, in primis coloro i quali siedono tra i banchi della sua maggioranza, sia nel consiglio comunale che nella giunta, tacciono pubblicamente, ma sanno bene che modificare un atto pubblico dopo la sua approvazione, avvenuta per di più davanti a delle telecamere che trasmttetavano una diretta streaming, rappresenta un grave reato di abuso, penalmente perseguibile per Legge. Come del resto era già perseguibile la votazione di un atto contenente false dichiarazioni, in primis con un ricorso al TAR.

Abuso d’ufficio e falso in atto pubblico potrebbero essere i reati che questa triste vicenda lascia sin da subito prefigurare, alla luce soprattutto di quanto avvenuto nel corso del consiglio comunale e riportato dal consigliere comunale Misserville.

Questi i due testi deliberativi a confronto, con evidenti modifiche. Il primo distribuito ai consiglieri comunali per la votazione in consiglio; il secondo quello pubblicato, dopo la votazione, sull’albo on line.

A Caligiore, sarebbe bastato sospendere la seduta per alcuni minuti, dopo l’intervento del consigliere Misserville e rielaborare, con tanto di verbale, un nuovo testo non contenente il falso, per sanare leggittimamemte il tutto e magari ottenere anche il voto favorevole di chi, invece, giustamente ha votato contro.

Ma forse è una logica di peocedura, questa, che appartiene troppo a chi è in grado di amministrare, non a chi crede di saperlo fare.

Così, il delitto perfetto, potrebbe trasformarsi nel grande suicidio politico di massa di questa amministrazione comunale, con la complicità di tutti i “saggi” intervenuti.

L’assessore Gizzi urlava istericamente a Misserville, nel suo atto di difesa del nulla, di rispettare i 7mila elettori della maggioranza.

Ma Gizzi non conosce una celebre frase di Gustav Mahler: “La tradizione è adorazione del fuoco, non conservazione della cenere”, cosa per la quale si sta adoperando.

Davanti a queati gravi fatti è il caso di replicare ricordando che spetta ai signori amministratori rispettare 23mila persone!

E siamo solo all’inizio…

Annunci

One response to this post.

  1. Posted by Americo pecci on 2 dicembre 2016 at 08:58

    Se è veramente così ,mi stupisce il fatto dei Consiglieri di minoranza che restano fermi nelle loro posizioni di tornaconto personale e non denuncino il fatto ai vari organi competenti.
    Ceccano è amministrata in modo sicuramente diverso dal passato ed in seguito vedremo i risultati,ma necessita di una vera opposizzione consiliare che veramente lavori per il bene Comune .
    (Non solo di facciata e ripeto per i propri interessi).
    Viva Ceccano.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: