La sinistra ceccanese ha distrutto il patrimonio di Casa Sindici

pianoforte Sindici

Quella che vedete nella foto a sinistra è l’immagine del pianoforte di Casa Sindici.

Quella che vedete sul lato destro è l’immagine dell’armonio di Oreste Sindici, gelosamente custodito in un museo, in Colombia.

La sinistra ceccanese ha distrutto il patrimonio culturale di Casa Sindici.

A denunciarlo è l’Assessore alla Cultura Stefano Gizzi, che dopo un sopralluogo effettuato presso Castel Sindici, ha deciso di rendere noto pubblicamente quanto da lui constatato con i suoi occhi, in un lungo comunicato stampa che riportiamo integralmente:

LA BELLA EREDITA’
CHE CI HANNO LASCIATO LE AMMINISTRAZIONI DI SINISTRA.
ATTO PRIMO:
IL LORO AMORE PER I BENI CULTURALI E STORICI DI CECCANO.

Dopo il sopralluogo che ho effettuato come Assessore ai Beni Culturali nel parco e struttura di Castel Sindici posso affermare quanto segue:

le precedenti amministrazioni non hanno lasciato alcun progetto in corso per la ristrutturazione del Castel Sindici, nessun atto relativo alla sua futura destinazione, nessuna programmazione sul futuro del Castello.

All’ingresso delle cantine, da alcuni anni, è in stato di completo abbandono un pezzo storico e di particolare valore:
il PIANOFORTE VERTICALE DELLA FAMIGLIA SINDICI,
utilizzato per cento anno nel Castello per allietare le serate e le feste che si svolgevano regolarmente in questa illustre dimora.
In pratica, ho trovato adagiato per terra nella polvere e nell’umidità, a pieno contatto con gli agenti atmosferici quello che un tempo era un prezioso strumento musicale di alta qualità, di fabbricazione tedesca.
Le condizioni dello strumento sono pietose, la parte inferiore con i pedali ormai staccata, tutta la cassa armonica anteriore aperta e piena di calcinacci e di intonaci. Le parti laterali ormai molto compromesse con l’impellicciatura in legno ormai in fase di assoluta decomposizione.
Tutta la struttura è impregnata di acqua e di muffe.
Vedere un nobile strumento esposto in modo vergognoso, senza aver pensato ad un pur minima protezione con teli e qualche cartone, fa rabbrividire!
Il centrosinistra ceccanese, che oggi predica al vento sulla importanza di Castel Sindici, ecco in che condizioni ci ha lasciato i beni culturali, patrimonio della Città di Ceccano.
Le precedenti amministrazioni, di fronte a questo scempio si dovrebbero vergognare e almeno tacere e non dare lezioni.
Le uniche lezioni che ci vengono dal centrosinistra sono l’abbandono totale, l’incuria e la piena indifferenza di fronte a preziose testimonianze del nostro passato e di proprietà del Comune di Ceccano.
Il danno non solo economico, ma soprattutto al patrimonio culturale è enorme.
Nei prossimi giorni provvederemo a togliere da quelle condizioni pietose il pianoforte della Famiglia Sindici, in modo che si possa pensare ad un suo restauro e alla sua corretta conservazione.
Poi a riguardo del Parco del Castel Sindici, faccio notare che per anni ed anni le amministrazioni non hanno avuto alcun reale intento di preservare e proteggere le varie specie di vegetazione che furono messe in dimora dal Cav. Stanislao Sindici, fondatore del Castel Sindici.
Da molti anni numerose piante ad alto fusto sono infestate da edera rampicante che soffoca totalmente queste piante, con rischi evidenti per le stesse.
In questi anni, sarebbe bastato predisporre un intervento, in collaborazione con la Guardia Forestale, per eliminare questa edera così invasiva ed ogni anno crescente, permettendo così alle piante di vivere.
Ma la demagogia del centrosinistra vuole addossare agli altri le gravissime colpe dell’indifferenza, della mancata amorosa conservazione dei beni culturali e storici di Ceccano che ha caratterizzato i tristissimi anni delle amministrazioni di centrosinistra.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: