Il testimone oculare del bombardamento di Santa Maria smentisce i prestigiatori della storia… locali e non!

Immagine

Oggi ha poco più di 80 anni, ma ricorda lucidamente, come se fosse accaduto ieri, il bombardamento del 26 Gennaio del 1944.

Si tratta del testimone oculare della distruzione del Santuario di Santa Maria del fiume.

Un testimone a quanto pare “scomodo”, perché sconfessa non solo le menzogne che i comunisti di Ceccano vorrebbero far credere ed imporre come verità assoluta, specie in queste ultime settimane, ma addirittura il diario del generale dell’aviazione statunitense.

Erano da poco trascorse le 14:00 del 26 Gennaio 1944. Il volo di un caccia sul territorio di Ceccano preannuncia l’arrivo di uno stormo di aerei dell’aviazione americana.

Un grosso albero fa da punto di riferimento per una virata che consente un vistoso abbassamento di quota della pattuglia.

E quell’albero si trovava sul terreno di proprietà della famiglia dell’allora giovane testimone, il quale colto dalla curiosità, si sofferma ad osservare quello che si appresta a diventare come un episodio che per sempre segnerà la storia, in soli pochi, pochissimi istanti.

Un solo aereo sgancia 3 bombe. Tre bombe che colpiscono l’antichissima Chiesa.

“Mi trovavo in una zona collinare poco distante dal Santuario di Santa Maria, in un terreno di proprietà della mia famiglia, dove ci trovavamo sfollati. Ebbi modo di osservare tutta l’intera manovra degli aerei americani. Vidi chiaramente sganciare da un solo di essi 3 ordigni, immediatamente dopo una grande nuovola di polvere e fumo, mentre gli aerei già proseguivano verso Ferentino. In quel momento mi sedetti a terra, in attesa di aspettare che la polvere si alzasse. Quando dopo qualche minuto constatai che ad essere bombardata e distrutta era stata la Chiesa di Santa Maria, corsi dai miei familiari per avvisarli!”

Questo, in sintesi, il racconto dell’unico testimone superstite dell’accaduto!

Un racconto che evidenzia chiaramente come le ricostruzioni storiche circolate in modo particolare in questi ultimi giorni, siano state solo delle fandonie.

Tre sole, dunque, le bombe sganciate. “Può essermene sfuggita una quarta, ma non 12″ – chiarisce il teste, che, nel corso della sua vita, tra l’altro, ha avuto un ruolo importante nell’Aeronautica Militare Italiana”.

Se davvero, infatti, quel 26 gennaio del 1944 fossero state sganciate ben 16 bombe di 500 libre ciascuna, i danni sarebbero stati di gran lunga superiori.

Nessun ordigno, infatti, colpì il ponte ed altri punti strategici della cittadina. Anche perché, è un fatto storico accertato, che a far saltare in aria il ponte, come pure l’antico Palazzo della famiglia Berardi, furono i soldati tedeschi nel corso della ritirata, al fine di rallentare l’avanzata degli eserciti alleati.

A Ceccano, dunque, qualcuno ha intenzioni di mistificare la storia, raccontarla a suo modo. Perché?Quale subdola manovra politica nasconde tutto ciò?

Forse il vile tentativo di non far divulgare una verità storica ormai indiscutibile, ovvero il bombardamento mirato degli edifici di culto?

Certamente, quello che sta avvenendo è qualcosa di vergognoso… a dir poco!

“Piaccia o meno, racconterò fino alla morte quanto da me visto con i miei occhi” – ha ribadito l’uomo, sulla cui credibilità ed onestà, non poniamo alcun dubbio!

Annunci

One response to this post.

  1. Posted by STEFANOGIZZI on 26 gennaio 2014 at 23:33

    una prova della veridicità della tesi del TESTIMONE OCULARE E’ NEL FATTO CHE I PILASTRI DELLA CHIESA DOPO IL BOMBARDAMENTO RIMASERO IN PIEDI.

    CON 16 BOMBE SGANCIATE, OVVIAMENTE CI SAREBBE STATA UNA GIGANTESCA VORAGINE!!!!!!!!

    Per questo ha ragione il testimone oculare: LE BOMBE FURONO TRE E SGANCIATE ESCLUSIVAMENTE PER COLPIRE LA CHIESA DI SANTA MARIA NON IL PONTE SUL SACCO, come la vulgata rossa va raccontando oggi

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: