Il S.I.N. della Viscolube nei pressi di abitazioni private e di un’area boschiva monumentale

“Su incarico e per conto di Viscolube Spa, nell’ambito delle attività di bonifica con messa in sicurezza dell’area di pertinenza dello stabilimento sito in via dei MOnti Lepini 180 nel territorio comunale di Ceccano (Fr), la scrivente Ecotherm Site Assessment Srl (già Ecotherm Spa) ha redatto la presente integrazione e modifica del progetto definitivo di bonifica, autorizzato dal Comune di Ceccano con atto prot. n- 5471 del 26 marzo 2004 e redatto dalla società Ambiente Spa nelle sue tre componenti:

a. Progetto definitivo ai sensi del D.M. 471/99 (REL. N. DR-005-E);

b. Addendum al Progetto definitivo ai sensi del D.M. 471/99 (REL. N. DR-028-E);

c. Integrazione al Progetto definitivo ai sensi del D.M. 471/99 (PIANO DEI MONITORAGGI POST OPERAM) (REL. N. DR-038-E);

Tale revisione si è resa necessaria a causa delle evidenze risultanti dalle attività sinora svolte sul sito, in particolare in merito alle quantità di terreno contaminato, risultate molto superiori a quelle stimate in fase di caratterizzazione. Il solo smaltimento dei terreni non risulta quindi ad oggi la tecnica più idonea alla bonifica del sito, ma deve essere associata ad altre più compatibili dal punto di vista economico ed ambientale”.

Siamo nel novembre del 2005 (i risultati delle analisi che vi avevo mostrato nei giorni scorsi erano riferiti a campioni di terreno prelevati nel giugno dello stesso anno) e questo è il contenuto, in “premessa”, dell’integrazione al progetto definitivo di bonifica dello stabilimento Viscolube di Ceccano.

Sarà uno dei primi e numerosi documenti di una pratica articolata e complessa, nei confronti della quale, proprio in questi mesi, è stata autorizzata un’ulteriore proroga di alcuni anni, dopo una prima del 22/04/2009.

La bonifica è certamente un atto di grande pregio e di inestimabile valore per la tutela degli interessi ambientali non solo del sito in questione, ma del territorio in generale. Ciò che traspare dai documenti ufficiali, come pure dagli elaborati planimetrici (entrambi, di fatto, mai resi pubblici e facilmente accessibili, malgrado la loro importanza), mette in evidenza, però, alcuni particolari che non possono essere considerati sinonimo di grande trasparenza.

Tanto per cominciare, dalle tavole allegate al progetto di bonifica, revisionate ed approvate dal Comune di Ceccano, sono letteralmente scomparse tutte le abitazioni ed attività site nei pressi del medesimo stabilimento. Una tecnica questa utilizzata con molta, troppa frequenza da numerose industrie site nel territorio della nostra provincia e non solo.

Domanda: se presentassi agli uffici tecnici competenti del Comune di Ceccano, il progetto per la realizzazione di una casa nei pressi della linea ferroviaria, facendo sparire dagli elaborati planimetrici la stessa ferrovia e tutto ciò che darebbe vita a vincoli e distanze di rispetto necessarie cui dovrei attenermi, al fine di ottenere il rilascio di autorizzazione di permesso a costruire, questo permesso lo otterrei? Oppure i tecnici del Comune mi contesterebbero subito quando da me volutamente omesso?

E’ un tentativo che certamente posso provare a fare, ma che una sorta di quinto senso e mezzo mi induce a pensare che produrrebbe effetti decisamente opposti, se non addirittura qualche risvolto penale, magari quello di una denuncia per false dichiarazioni in atti.

Così, pur elogiando l’attuazione della bonifica di un sito quanto più necessaria, alla luce soprattutto dei valori fuori norma allora emersi, in modo particolare degli idrocarburi pesanti presenti nei terreni, ecco che nelle adiacenze del sito industriale Viscolube, del Bosco di Faito ed appunto di alcune delle abitazioni limitrofe allo stabilimento, è sorta un’area di terreno classificata come Sito di Interesse Nazionale (declassato a Sito di Interesse Regionale con il recente Decreto a firma del Ministro Clini), dove sono stati riversati tutti i terreni inquinati asportati dall’interno del sito industriale in questione, dove è stata realizzata una piazzola di “landfarming” ed una vasca di fitodepurazione e dove non traspare alcun cartello che indichi l’esistenza di tutto ciò.

Per rendersene conto, se proprio non ci si vuole recare sul posto di persona, basta dare uno sguardo attraverso google maps e le immagini che questo programma ci consente di visionare.

Qui, infatti, abitazioni private e quant’altro, ricompaiono magicamente…

abitazioni_private_vicino_sito_viscolube_ceccano[1]

Immagine

Immagine

Qui, invece, le immagini della tavole che illustrano il progetto di bonifica:

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

MYSCAN_20130921_0011

MYSCAN_20130921_0012

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: