Perché il Comune di Ceccano mi nega l’accesso ed il rilascio di atti pubblici?

Immagine

Quella guidata dal primo cittadino Manuela Maliziola, doveva essere un’amministrazione comunale all’insegna della partecipazione attiva dei cittadini, ma anche e soprattutto della trasparenza, specie sulla gestione della cosa pubblica. Purtroppo non è così ed io posso testimoniarlo raccontando aneddoti e circostanze che mi toccano in prima persona!

Il Comune di Ceccano, da oltre 30 giorni, infatti, continua a negarmi l’accesso ed il rilascio di atti e documenti pubblici, a seguito di regolari richieste fatte a norma di Legge!

I motivi?

Non me ne è stato fornito alcuno!

L’Ente, infatti, non ha mai risposto alle mie lettere e neanche ai miei solleciti, che il Sindaco Maliziola non può negare di aver mai visto, poiché ho copia di tutto il materiale protocollato da oltre 30 giorni!

La Normativa che disciplina e regolamenta l’accesso e la richiesta di copia di atti pubblici fissa proprio a 30 giorni il termine per la Pubblica Amministrazione di adempiere alle richieste avanzate dai cittadini previa richiesta.

Ma la mia vicenda personale, non è un fatto nuovo per il Comune di Ceccano. Tutt’altro… è una costante che si ripete nel tempo.

Quello che il Sindaco di Ceccano, il Segretario Generale dell’Ente e gli altri uffici preposti stanno adottando nei miei confronti è lo stesso atteggiamento che da anni, purtroppo, caratterizza la pubblica amministrazione cittadina, nell’indifferenza più totale di chi ricopre ruoli politici ed istituzionali importanti sia tra i banchi della maggioranza che dell’opposizione.

Prima di me, tra i tanti che hanno subito simili trattamenti, c’è stato, in modo particolare, l’ex operatore sociale Domenico Maura, autore di numerose battaglie a tutela della legalità.

Il Comune di Ceccano, costrinse il Maura ad incatenarsi, a barricarsi nell’aula del Consiglio Comunale e perfino a gesti clamorosi, come l’arrampicarsi sulla parete rocciosa posta dinanzi la sede di Palazzo Antonelli.

Gesti “estremi” compiuti solo per ottenere e reclamare i propri diritti.

Lo scopo della macchina amministrativa, infatti, sembra essere sempre lo stesso, malgrado siano cambiati i personaggi che ora ricoprono le più alte cariche istituzionali cittadine e che amano farsi definire “nuovi”, ma che in realtà stanno dimostrando di portarsi dietro tutto il marciume del “vecchio”: portare le persone ad arrendersi, a compiere passi falsi, arrecando loro anche quella giusta dose di tensione nervosa tale da indurli a compiere qualche sciocchezza, magari proprio nei loro confronti.

Una trappola nella quale di certo non cascherà il sottoscritto… e non a caso, qualora tali documenti da me regolarmente richiesti continueranno a non essermi forniti senza alcuna motivazione ufficiale, qualora ignoti dovessero avere l’intenzione di ostacolare ciò per fini che mirino a tutelare qualcuno in modo particolare, lesinando al tempo stesso la mia persona ed i miei diritti, a fronte anche dell’assenza di un Difensore Civico comunale, non esiterò a sporgere denuncia alle Autorità Competenti.

Caro Sindaco, perché mi si continua a negare l’accesso a tali atti pubblici? Può gentilmente fornirmi una valida spiegazione? Perché sono trascorsi oltre 30 giorni e non ho ricevuto alcuna comunicazione a tal proposito? E’ questa la trasparenza amministrativa che avrebbe dovuto segnare l’inversione di rotta della sua amministrazione comunale?

Annunci

2 responses to this post.

  1. […] Continua a leggere qui https://antonionalli.wordpress.com/2013/05/03/perche-il-comune-di-ceccano-mi-nega-laccesso-ed-il-rila… […]

    Rispondi

  2. Posted by Domenico on 5 maggio 2013 at 21:57

    La trasparenza può essere PREROGATIVA solo di amministrazioni PULITE.Se un’amministrazione non ha nulla da nascondere dovrebbe mettersi a disposizione a 360° dei cittadini.Le chiusure a riccio infondono seri dubbi sull’operato della stessa.Visto che sono stato citato, mi preme sottolineare che NONOSTANTE I GESTI ECLATANTI perdurati diversi anni –NON UN FOGLIO E’ USCITO DAL COMUNE RIGUARDO PRESUNTE GRAVISSIME ILLEGALITA’ NELLA GESTIONE DELL’APPALTO DEI SERVIZI SOCIALI–.Una vergogna immane.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: